Novità

RELAX. It's an AVX.

 

Sennheiser lancia il nuovo sistema di microfoni wireless AVX per videomaker.

Il Gruppo Sennheiser è stato fondato nel 1945 a Wedemark in bassa Sassonia, dove è ancora collocata la sede principale, e nel tempo è divenuto un leader mondiale nel settore audio, specializzandosi nella produzione di microfoni, cuffie e sistemi di trasmissione wireless.

Al NAB di Las Vegas, Sennheiser ha introdotto i suoi sistemi di microfoni wireless AVX per camcorder e DSLR, che assicurano una ripresa audio completamente priva di stress. Il ricevitore AVX, incredibilmente compatto, si collega direttamente all'XLR della telecamera, con la quale si accoppia automaticamente in modo tale da accendersi insieme alla videocamera. Il sistema regola automaticamente i livelli audio corretti e trasmette usando una trasmisione digitale protetta nella gamma 1.9 Ghz, senza licenza. La configurazione e la registrazione audio di alta qualità per il video non è mai stata più veloce o più comoda!

Che tu sia un giornalista reporter, un operatore video professionale nelle riprese di un documentario o un esperto di marketing che realizza un video, AVX permette di concentrarsi sul lavoro creativo, come afferma Sven Boetcher, Portfolio Manager Broadcast & Media di Sennheiser. Non è richiesta alcuna licenza, il sistema seleziona automaticamente una frequenza di trasmissione sicura e tutte le impostazioni necessarie: questa è la vera facilità di uso.

Il sistema AVX è disponibile in configurazioni complete per il veloce utilizzo, in alternativa, possono essere composti sistemi personalizzati scegliendo in un'ampia gamma di componenti singoli. La convenienza inizia dal non dover pagare una tassa per l'uso: AVX opera nel campo di frequenza 1,9 GHz senza licenza, e può essere utilizzato in molti paesi del mondo.

La convenienza continua poi nell'operatività: il ricevitore si accende automaticamente attivato dalla Phantom della videocamera e automaticamente aggancia il trasmettitore. Il sistema AVX imposta automaticamente il livello audio corretto, adeguandolo alla sensibilità d'ingresso della telecamera, inoltre selezionando una frequenza libera di funzionamento è pronto per l’uso. In presenza di una fonte di interferenza, AVX passa in modo impercettibile ad una nuova frequenza.

Il sistema AVX prevede la funzione Adaptive Output Power, ovvero l’adattamento della potenza di trasmissione in automatico con un’ottimizzazione del consumo delle batterie ricaricabili.

Ricevitore e trasmettitore AVX sono alimentati da speciali batterie agli ioni di litio, che possono essere ricaricate tramite una porta USB. Per evitare brutte sorprese quando le riprese durano a lungo, i trasmettitori visualizzano la quantità di carica residua della batteria. Per le reflex digitali con un ingresso jack audio, i sistemi AVX sono dotati di un cavo adattatore mini-jack/XLR e degli accessori di montaggio necessari per collegare il ricevitore alla slitta della telecamera.

AVX è disponibile in tre diversi set: AVX-835 SET con radiomicrofono con capsula Evolution, AVX-ME 2 SET con trasmettitore bodypack e microfono lavalier ME 2 ed AVX-MKE 2 SET, una speciale versione professionale body pack con microfono lavalier MKE 2, il riferimento per produzioni cinematografiche e televisive.

I sistemi e i componenti della serie AVX saranno disponibili tramite il distributore italiano Exhibo a partire da Giugno 2015.

 

Dheepan vince l'oro con CineAlta

Éponine Momenceau: alla ricerca della consistenza dell'immagine

Vincitore della Palma d'oro al Festival di Cannes del 2015, Dheepan, il settimo film di Jacques Audiard, non solo ha ammaliato la giuria, ma ha anche sorpreso i convenuti sulla Croisette con la giovane età della lead cameraman: Éponine Momenceau, giovane diplomata presso la scuola di cinematografia La Fémis (2011).

heepan, girato con una Sony F55, segue il viaggio di un soldato Tamil che fugge dalla guerra civile nel suo paese alla ricerca di una nuova vita in una città francese. Questo è il primo lungometraggio di Éponine Momenceau, la sua prima collaborazione con Jacques Audiard e la sua prima Palma d'oro. Un inizio di carriera davvero sfolgorante per questa giovane e talentuosa cameraman, che ha accettato di incontrarci... 

Era per me fondamentale essere in grado di trasportare la telecamera da sola e di filmare senza limitazioni…

 

Qual è stata la preparazione artistica per questo film?
La preparazione è stata essenziale. Mi sono confrontata a lungo con Jacques Audiard prima di iniziare. Abbiamo discusso del cinema asiatico per ciò che concerne i colori, di arte contemporanea, di musica e letteratura. Abbiamo discusso di molte cose diverse, a volte anche di cose che non avevano nulla a che vedere con il film. È stato anche un modo per conoscerci, condividere idee e riflettere insieme sulla pellicola. Prima di iniziare le riprese, abbiamo girato alcune scene utilizzando diversi sfondi per conoscerci meglio. 

Cosa ti ha fatto scegliere la F55? 
Stavo cercando una telecamera leggera con il miglior rendering colorimetrico possibile. Mi ero quasi decisa a utilizzare la F65, ma poi mi sono resa conto che era troppo pesante. Era per me fondamentale essere in grado di trasportare la telecamera da sola e di filmare senza limitazioni. Non abbiamo fatto alcun test di confronto, la scelta è stata immediata. Per quanto riguarda la qualità dell'immagine, la F55 produce quelle piccole imperfezioni che a nostro avviso migliorano la resa. 

Quali ottiche hai utilizzato per le riprese? 
Abbiamo girato con ottiche con messa a fuoco morbida, che a loro volta presentavano imperfezioni. Abbiamo utilizzato ottiche Cook S3, un'ottica zoom Angénieux da 28-76 mm e l'Angénieux da 24-290 mm per alcune scene, e sono molto contenta di questa decisione. Queste ottiche offrono una morbidezza che la telecamera è riuscita a rendere al meglio. Avevamo una serie di filtri Mitchell che ho usato poco, salvo a volte con l'Angénieux per contrastare un po' la nitidezza e per una migliore combinazione con le ottiche Cook S3.

 

In che formato avete girato? 
Prima di tutto, abbiamo fatto delle prove in 2K utilizzando il filtro passa-basso per cercare di ridurre ulteriormente l'immagine, ma mi sono resa conto che la forte luce generava artefatti. Quindi abbiamo ripreso in 4K RAW. Le riprese sono andate abbastanza bene e il numero di giornaliere non era eccessivo. 

Il numero di ciak variava in base alle sequenze e alla loro importanza. Abbiamo girato con calma, senza parlare di cosa avremmo deciso in fase di montaggio. A volte, sono stati necessari solo due ciak per ottenere la ripresa definitiva. 

Com'era il tuo workflow? 
Abbiamo lavorato con Digimage e abbiamo effettuato la calibrazione su un sistema Davinci 2K. Durante le riprese, ho utilizzato la telecamera con una messa a fuoco a quattro LUT di Digimage. Ciò ci ha permesso di riprodurre la resa della pellicola Kodak 500T. Sul video di ritorno, Jacques Audiard ha potuto visualizzare un'immagine piuttosto contrastata, simile alla resa finale. 

Dopo la calibrazione, abbiamo cercato di applicare automaticamente queste LUT, ma per alcune sequenze o riprese abbiamo dovuto ricominciare da zero perché non ero riuscita a ottenere la resa della pelle che cercavo. 

L'estetica del film è basata su Bollywood? 
Non direi che abbiamo seguito lo stile di Bollywood, ma ho comunque filtrato le mie sorgenti luminose con i gel. Non dobbiamo dimenticare che ci troviamo in una città. Diversi sfondi sono grigiastri. Abbiamo lavorato di più con la saturazione del colore e abbiamo sempre cercato di aggiungere un tocco colorato in tutte le scene. La scenografia ha contribuito molto al mio lavoro. 

La telecamera è stata in grado di gestire i colori molto bene e di farli risaltare al meglio. Sono pienamente soddisfatta dalla gestione del colore. Non ho mai avuto spiacevoli sorprese al riguardo, né durante le riprese né in fase di calibrazione.

 

Come si è comportata la telecamera nella resa della pelle? 
In alcuni casi, il colore della pelle degli indiani riflette molto la luce, e in altri accade il contrario, assorbendone in grandi quantità. Ho notato che la telecamera è riuscita a rendere le tonalità della pelle piuttosto bene. Abbiamo effettuato dei test di trucco per individuare i limiti in termini di luminosità e quanto trucco dovevamo utilizzare, cercando nel contempo di preservare i toni naturali della pelle. È stata un'esperienza molto utile. 

Volevi una resa simile alla pellicola fotografica, ma avevi già avuto esperienze simili durante il tuo corso? 
Sì, ho usato la pellicola fotografica molto durante il mio corso. Tutti i film dell'ultimo anno a cui ho avuto la fortuna di partecipare sono stati girati con pellicole fotografiche, sebbene il digitale sia molto popolare a scuola. Anche il mio progetto dell'ultimo anno è stato girato con pellicola fotografica. 

Durante i primi film ripresi in digitale ero un po' preoccupata, perché avevo scoperto che c'erano molte più cose da gestire con la telecamera. 

Ho lavorato a questo film come avrei fatto con la pellicola fotografica, lavorando nell'unità e controllando il segnale sull'Astro. 

Non cercavamo un aspetto nostalgico per il film e non eravamo necessariamente interessati a una resa identica alla pellicola fotografica. Volevamo semplicemente un'immagine che avesse consistenza. È questo il mio obiettivo costante: evitare le immagini atone e creare immagini dotate di una loro consistenza materiale. 

A quale livello di sensibilità hai usato la F55? 
Durante la notte, usavamo un valore ISO 800. Abbiamo fatto diverse prove notturne e abbiamo scoperto che oltre ISO 800 l'immagine risultava troppo sporca, disturbata e fumosa. Durante il giorno, invece, usavamo un valore ISO 1200 per avere la massima gamma tonale in condizioni di alta e bassa luminosità.

 

... grazie al perfetto bilanciamento della telecamera, inquadrare è stato molto facile...

 

La telecamera come ha gestito le dimensioni passo del contrasto in India? 
Non ho riscontrato problemi. Ho usato i filtri neutri integrati, davanti ai quali ho aggiunto filtri di vetro neutri. Sono stata molto attenta a non attutire troppo le luci forti, ma complessivamente la telecamera ha risposto molto bene alle condizioni di contrasto in India. In generale ho trovato molto gradevole il contrasto della telecamera. 

Da un punto di vista ergonomico, come hai trovato la telecamera e il viewfinder? 
Era da molto tempo che non utilizzavo un frame del viewfinder e mi sono abituata rapidamente al viewfinder OLED della F55. Grazie al perfetto bilanciamento della telecamera, inquadrare è stato molto facile. Dal momento che stavamo effettuando le riprese in 4K, abbiamo utilizzato il registratore AXS-R5 esterno, davvero facile fissare sul retro della telecamera. Con le nostre ottiche di piccole dimensioni, il risultato è stato una perfetta telecamera portatile. 

Hai consigli per le future generazioni di lead cameraman? 
Che domanda impegnativa! È successo tutto molto in fretta, per me. Se dovessi dare consigli, direi di cercare di lavorare a qualcosa di personale, di non fare necessariamente quello che stanno facendo gli altri, ma di cercare di trovare la propria strada.

Riconoscimenti

 

Intervista di Pierre Souchar 

Team responsabile delle immagini 
Assistente operatore: Nicolas Eveilleau 
Capo elettricista: Marianne Lamour 
Stage manager: Edwin Broyer 
Colorista: Charles Freville

Altri articoli...

 
 
Sei qui: Home News